GIOVANNI MARGARONE
Scrittore

“Quando finisco un libro sono stanco, ma tutto è vinto dalla magia delle  parole che andranno a trovare voi, lettori miei”

12112112_821056814677549_5841978486320685036_n(Giovanni Margarone)

BIOGRAFIA

Sono nato nel 1965 ad Alessandria, da padre siciliano e madre ligure, ho vissuto in Liguria fino a ventun anni. Quando lasciai la mia terra per andare in Friuli, per motivi di lavoro, era il 1986. Sono sempre stato un lettore assiduo, cultore altresì di filosofia e musica. La scrittura e la musica, in particolare, sono stati, sin da quando ero ragazzo, le mie vocazioni naturali; per questo a 12 anni, mentre intraprendevo lo studio del pianoforte, mi cimentai a scrivere due romanzi, mai pubblicati, che gelosamente ho sempre conservato fra i miei cimeli. Da allora, ho continuato a scrivere pensieri, brevi racconti che però ho sempre poi riposto nel cassetto, mentre tanti sono andati purtroppo perduti.

Sono uno scrittore di narrativa. I miei romanzi rientrano maggiormente in quelli di formazione, per via dell’evoluzione che fanno compiere (innanzitutto interiore, e non solo) ai protagonisti (dall’infanzia all’età adulta, risalendo sovente alle origini, scavando nella storia del personaggio). Forte è la componente introspettiva e psicologica, nonché l’evocazione al neorealismo del ‘900 italiano, per cui il personaggio resta sempre e comunque l’elemento centrale delle narrazioni, che potrebbero essere quindi ambientate in qualunque luogo. Per questo, le descrizioni dei luoghi in cui i personaggi si muovono fungono essenzialmente da supporto, senza peraltro appesantire, ma concedendo la giusta enfasi.

Ho sempre avuto una spiccata attenzione verso la letteratura ottocentesca russa, francese e tedesca (in particolare Dostoevskij, Flaubert, Proust, Goethe, Gogol, Tolstoj, Bulgakov, Prevost, Balzac per citarne alcuni); senza dimenticare i riferimenti al novecento italiano, nelle figure, fra gli altri, di Pirandello, Svevo, Cassola, Calvino, Cesare Pavese e Umberto Eco. Autori, come dico sempre, che mi hanno fatto scuola, e che ritengo abbiano contribuito ineludibilmente alla mia maturazione letteraria e stilistica. Sono un fermo sostenitore della versione cartacea dei libri di qualunque genere, trovandomi d’accordo con Camilleri quando dice che il libro è caldo; pur ritenendo che l’informatica e il web in generale siano strumenti ormai essenziali per qualsiasi tipo di attività, compresa quella letteraria.
Nel 2011, approfittando delle opportunità della rete, avevo creato un blog IDEE… di Giovanni Margarone dal quale avevo tratto spunti per il saggio “Oltre l’orizzonte” pubblicato nel 2013.
Soddisfatto di quel lavoro, ho finora scritto e pubblicato quattro romanzi:
“Note fragili” (2015, seconda edizione 2018), “L’ombra della verità” (2016) ora “Le ombre delle verità svelate (seconda edizione 2018), “E ascoltai solo me stesso” (2017) e “Quella notte senza luna” (2018).

Le opere sono descritte in I miei libri.

Dal 2018 i miei romanzi sono pubblicati dalla Casa Editrice Kimerik,

Ringrazio tutti coloro che hanno creduto in me in questa nuova avventura letteraria.

Un ringraziamento particolare va al curatore editoriale Enrico Marras, per la sua pazienza e professionalità sempre dimostrata e alla scrittrice Miriam Ballerini.

Attualmente sto partecipando a vari concorsi letterari.

… Il quinto romanzo è in corso d’opera molto avanzata.

____________________