RASSEGNA STAMPA: sul Messaggero Veneto altro articolo sulle “Ombre”

Messaggero Veneto del 20 marzo 2019
Annunci

RASSEGNA STAMPA: OSPITE in diretta a SEILATV (Bergamo)

MARTEDI 2 APRILE 2019 ALLE 17,45 CIRCA SARO’ OSPITE  – IN DIRETTA – DELLA TRASMISSIONE
“POMERIGGIO 216” CONDOTTA DA BARBARA CARAMELLI.

UN GRAZIE ALLA REDAZIONE PER L’INVITO

La letteratura oggi

Nel precedente articolo, era stato trattato, a grandi linee, il significato della letteratura quale fenomeno vivo che segue il divenire dell’umanità, proiettato verso l’infinito al pari dell’universo cosmico. Per questo, le vicende di questo fondamentale scibile, partite dagli albori della civiltà, hanno fatto sì che fossero contemporanee ad ogni epoca ed all’evoluzione linguistica. Così si è giunti fino a noi, epoca in cui i grandi del novecento sono diventati classici e assoluti fondamenti della letteratura contemporanea. Ma come definire oggi la letteratura contemporanea? Innanzitutto vive un sofferto rapporto con la lingua, sia nel caso italiano, sia nel caso degli altri idiomi. Non si può non ammettere che la nostra lingua subisca continue, se pur talvolta impercettibili, variazioni a causa del mutare dei contesti (a causa dei molteplici ambiti socio-culturali), nonché della concezione stessa di lingua nazionale unitaria, che in pratica non esiste soprattutto per ciò che concerne l’idioma parlato, per la pluralità delle influenze geografiche (in primis, le differenze sia del lessico, sia delle forme verbali tra nord, centro e sud in cui il diversificato uso di forme idiomatiche di origine storico-linguistica incide non poco nei costrutti orto-grammaticali-sintattici). Differenze che, tuttavia, emersero già negli autori del passato, citando, ad esempio, il Pirandello siciliano e lo Svevo giuliano oppure il teatro dialettale di Edoardo De Filippo. Italiano quindi lingua dinamica, in continua evoluzione. Ma forse è questa la peculiarità che contraddistingue le letterature delle varie epoche, nondimeno le stesse epoche in cui i personaggi si muovono dando testimonianza degli usi e delle consuetudini del passato. Ma queste caratteristiche le ritroviamo anche nella letteratura straniera richiamando il rapporto stretto con la lingua, seppur con dinamiche talvolta differenti. Leggeremo un francese più classico con Proust, un russo d’altri tempi con Tolstoj e via dicendo. Ma nella letteratura contemporanea, si osserva un’ulteriore poliedricità sia riguardo alle tematiche narrative, sia riguardo agli autori, sia riguardo ad altri fattori influenzanti. L’allargata platea di lettori (enormemente cresciuta rispetto, per esempio, al periodo ottocentesco quando la lettura era appannaggio solo di determinate classi sociali a causa dell’elevato tasso di povertà e analfabetismo) ha favorito non poco all’espansione di determinati settori narrativi. Infatti, sin dalla fine dell’800, presero piede narrative nuove come la fantascienza e il fantastico, e poi il thriller e il giallo, fino ad arrivare alla narrativa Romance. Correnti letterarie conservatrici hanno spesso disdegnato una certa narrativa di genere, prediligendo quella cara a scrittori come Calvino e Pavese, forte di un neorealismo che tuttavia uscì dai canoni classici dei grandi romanzieri del passato. Il risultato di quest’evoluzione, che tuttavia continua ad essere in atto anche ai nostri giorni, è una letteratura assai poliedrica. Ma un aspetto assolutamente non trascurabile e forse anche preoccupante è affiorato nel contesto letterario contemporaneo: il ritenere il libro un prodotto commerciale. Il libro è diventato un bene di consumo (e riguardo alla diffusione non ci sarebbero obiezioni, considerato che la cultura dev’essere patrimonio dell’intera collettività); però l’eccessivo slancio verso un’ottica commerciale che spesso sovrasta sulla qualità stessa delle opere è sintomo di una visione consumistica e di profitto provocante un caotico sistema di mercato, mosso da interessi tutt’altro che culturali, attorno al quale gravitano migliaia di case editrici e un vero esercito di autori tra i quali moltissimi, sebbene scrivano opere di sicuro pregio, fanno fatica ad emergere. Quindi una letteratura poliedrica e influenzata dal mercato: questo è il contesto letterario odierno. E in questo mare di libri il lettore, seppur attento, si trova spesso disorientato. Sugli scaffali delle librerie, è ormai facile trovare opere di bassa qualità, che forse un domani nessuno ricorderà. Per questo occorre tornare a usare una sorta di setaccio, che permetta ai veri scrittori (emergenti inclusi) di proporre le proprie opere; che finisca l’inflazione di libri di mediocre qualità, spesso spacciati per opere di valore solo perché marchiati da un brand. In una parola: più serietà, che ponga fine alla mercificazione della letteratura, con il ritorno della valorizzazione della qualità dei contenuti di qualunque genere siano, mettendo da parte quell’ideologia consumistica che purtroppo continua a caratterizzare la nostra epoca negli ambiti più disparati.

Solo così potremo lasciare ai posteri opere che resteranno nelle biblioteche e potranno essere annoverate tra i classici del domani.

(Giovanni Margarone, 2019)

La letteratura è vita

Quando si parla di letteratura, forse non si può cogliere l’esatta percezione del fenomeno, perchè le sue origini, che s’affondano nella profondità del tempo, fanno sì che tutto sia poliedrico, immenso. Un universo che per grandezza eguaglia quello cosmico perchè tende all’infinito.

Ed è un universo in continua evoluzione, che ha seguito le trasformazioni dalle lingue e che viaggia in parallelo con quella cultura orale tramandata da una generazione all’altra arrivata fino a noi.

Non si può negare che la scrittura e l’oralità siano sempre state contemporanee e legate fra loro, perchè il sistema di codificare il messaggio orale risale per lo meno dai Sumeri. Ed è grazie ai documenti, giunti fino a noi, che è stato possibile scoprire e conoscere le antiche civiltà e la loro cultura.

Nel mondo occidentale, è senza ombra di dubbio la civiltà greca quella che ha influito di più sulla cultura occidentale. E Omero recitò i suoi poemi oralmente, fino a quando poi furono trascritti. Questo gigante, grande padre indiscusso e venerato nei secoli, del quale si hanno vaghe notizie sulla sua vita a tal punto da avere dubbi sulla sua stessa esistenza, ha lasciato ai posteri opere immortali, dalle quali non solo è stata tratta ispirazione per altrettante opere immortali nel corso dei secoli, ma da quel greco antico sono derivate in parte talune lingue moderne, come l’italiano.

Successivamente fu la latinità, d’indubbia influenza greca, a fondare i pilastri linguistici e culturali dell’occidente giunti fino a noi, filtrata nel periodo medievale, senza i quali nulla di ciò che diciamo e leggiamo potrebbe esistere.

Certo, è un discorso complesso che non si può compendiare in queste poche righe. Ma il risultato è stato uno: la letteratura. Uno scibile umano dalle nobili origini rinnovatosi nel tempo, nel corso del quale ogni epoca. La letteratura in prosa e poesia fu conosciuta fino al XVIII secolo con l'”eloquenza” (la lettura in pubblico delle opere scritte), poi abbandonata con la diffusione dell’editoria, mentre il teatro (che ha nella tragedia e nella commedia in sui pilastri fondamentali) è giunto trionfale  fino ai nostri giorni.

Così la letteratura è arrivata ai nostri giorni, imponendosi sempre nel vasto panorama culturale, perchè è la magia delle parole, che scaturisce dalla creatività dell’autore, scrittore, poeta o drammaturgo che sia, e che continua a stupire, arricchendosi senza mai fermarsi.

Forse è proprio grazie alla letteratura che l’uomo ha raggiunto quel desiderio d’immortalità. Come non pensare che Dante sia vivo fra noi quanto leggiamo un canto della Divina Commedia? La sua voce continua ad echeggiare ovunque, perchè la letteratura è voce. Una voce che ha sconfitto il freddo silenzio della morte tanto temuta dall’uomo. E questa immortalità rende peculiare una delle più grandi manifestazioni umane che è la letteratura. Non ci sarà catastrofe che annienterà le lettere qualcuno ha detto ed aveva ragione: i cataclismi della storia, in cui l’uomo stesso sembrava si annientasse, non sono riusciti ad uccidere la letteratura.

La letteratura è vita e parla della stessa vita dell’uomo, con le sue fragilità, le sue paure, le sue speranze, le sue verità e i suoi misteri. Con la letteratura l’uomo si riattualizza e corre verso l’infinito.

Ciò che si scrive oggi continuerà a vivere un domani, vivrà per sempre.

(Giovanni Margarone, 2019)

RASSEGNA STAMPA: le “Ombre” segnalate sulla rivista “Donna al Top”

 

Ecco la segnalazione de “Le ombre delle verità svelate” apparso sul periodico “Donna al Top” di questa settimana.

Ringrazio la redazione.

 

 

 

 

 

 

… E ANCHE NEL 2019 CONTINUANO A VIVERE I MIEI LIBRI…

Leggete, condividete, giudicate!
Mi rivolgo a Voi cari lettori, bloggers e amici che amano questo bellissimo mondo della letteratura. Seguite le novità di questo nuovo anno e attendo i Vostri preziosi giudizi!
… IO, INTANTO, CONTINUO A SCRIVERE …

LE OMBRE DELLE VERITA’ SVELATE  Romanzo
(SECONDA EDIZIONE 2018)

MARGARONE GIOVANNI LE OMBRE DELLE VERITA' SVELATE COVER

Gianni, un orfano siciliano che ha fatto fortuna in Irlanda grazie alla sua arte, è invitato a presentarsi a Cuneo per motivi ignoti. Nel Piemonte del dopoguerra Luigi, un uomo intraprendente quanto egoista e spregiudicato, riesce a mettere su un impero. Altrove – in Friuli – Costanza viene cresciuta con amore dai suoi genitori; ma il terremoto del ‘76 si abbatterà sulla sua vita… Su queste tre storie si allunga l’ombra della verità. Quale sarà mai?

Commento di Enrico Marras, artista e poeta.

Tre esistenze, solo apparentemente distanti, si intrecciano ineludibilmente nell’ultimo romanzo dell’autore ligure, ma friulano d’adozione, Giovanni Margarone.

Gianni è un pittore siciliano che vive le inquietudini della sua condizione di orfano (profondamente narrate, in un lacerante percorso esistenziale, a Pietro, fortuito compagno di viaggio anch’egli in attesa di un volo aereo da Dublino verso l’Italia).  Tale stato di abbandono si protrae nei rapporti umani che si susseguono, dal ceramista mastro Gaspare alla fidanzata Chiara, dall’amico Giuseppe al critico d’arte irlandese John, personaggi magistralmente tratteggiati ed inseriti di volta in volta in seno ad ambientazioni suggestive, dalla Sicilia a Torino passando da Cividale del Friuli sino a Dublino (ove si condenserà il suo successo artistico), in un intenso crescendo emozionale che vedrà presso uno Studio Notarile di Cuneo il suo epilogo. Luigi è un militare piemontese che durante la seconda guerra mondiale combatte nella Sicilia occupata dagli alleati e durante le vicissitudini belliche, a seguito di un ferimento, trova riparo da una famiglia presso Caltagirone. Dopo un travolgente, ma sotterraneo, rapporto passionale con Maria (nascosto al possessivo padre Giorlando), Luigi risale l’Italia tornando nel suo Piemonte, accolto dall’affetto della madre Teresa. In questa nuova vita emerge il reale carattere spregiudicato di Luigi che crea un impero economico (coadiuvato dal fedele ragioniere Ferrero), esibendo un ”modus vivendi” decisamente anaffettivo e a tratti violento (esemplificativi i rapporti con la moglie Alberta e con l’operaia Sonia, senza dimenticare la scena drammatica, volutamente enfatizzata, del licenziamento di una sua dipendente). Costanza è una donna friulana (precisamente di Gemona del Friuli) molto legata ai suoi genitori ed in particolare al padre Ermete, ma all’improvviso il terremoto del 1976 cambierà la sua vita. I momenti drammatici, successivi al sisma, vedranno la comparsa del soccorritore Francesco col quale si instaurerà un profondo rapporto sentimentale e la creazione di un solido nucleo familiare. Su tali esistenze si proietterà un’ombra inattesa densa di tensione emotiva e mistero con un finale sorprendente, che non lascerà indifferente il lettore.

La terza esperienza letteraria di Margarone vive di un attento e vivace intreccio narrativo composto da storie variegate che si riannodano nel finale, in uno sviluppo narrativo estremamente scorrevole e, simultaneamente, intriso di pura passione, ove emergono, in particolare nell’artista Gianni, i patimenti a tratti presenti nel personaggio di Francesco in “Note Fragili” (precedente romanzo dell’autore). Si nota in Giovanni Margarone una spiccata attenzione alla letteratura ottocentesca russa e francese (in particolare Fiòdor Dostoevskij e Gustave Flaubert, quest’ultimo menzionato, con la sua “Madame Bovary”, in un dialogo fra Gianni e Chiara) senza dimenticare i riferimenti al novecento italiano, nelle figure di Luigi Pirandello (“Il fu Mattia Pascal”) e Italo Calvino (“Se una Notte d’inverno un viaggiatore”). Si consolida ulteriormente la cifra stilistica dell’autore che gli permette di raggiungere, con quest’opera, un equilibrio narrativo maturo e consapevole, tale da rendere il romanzo coinvolgente nella sua ricerca di una verità sofferta e mai scontata.

Il romanzo con il titolo della precedente edizione  “L’ombra della verità” è stato classificato finalista secondo ex aequo al Concorso Eccellenze di Castiglione Cosentino.

MARGARONE GIOVANNI DIPLOMA

QUESTO ROMANZO E’ IN VENDITA PRESSO QUESTE LIBRERIE (CLICCARE QUI):    LIBRERIE ITALIA

INOLTRE SUL SITO DELLA  CASA EDITRICE KIMERIK

E SULLE LIBRERIE ON LINE: AMAZON  MONDADORI   IBS LIBRI   FELTRINELLI

… E ALTRE ANCORA,  ANCHE IN FORMATO EBOOK

________________________

NOTE FRAGILI
Romanzo
(SECONDA EDIZIONE 2018)

MARGARONE-GIOVANNI-NOTE-FRAGILI-COVER

Un giovane consacra la sua intera esistenza al suo unico, grande amore: la musica. Ma nel frattempo la vita scorre, anzi fugge lontana, e l’amore, passo dopo passo, cambia volto in un vorticoso succedersi di false speranze, rabbie, delusioni. Gli sarà dunque possibile mostrare al mondo il suo talento? Oppure, magari con l’aiuto di un’incantevole violinista, scoprirà che esiste un universo che nessun pentagramma – neanche il Rondò a Capriccio di Beethoven è in grado di contenere, grande come quel mare che da bambino contemplava attraverso la finestra della sua cameretta?

Commento di Enrico Marras, artista e poeta.

L’esistenza di Francesco è immersa in una intensa sensibilità che si estrinseca nella passione musicale, alla quale si dedica in un percorso irto di difficoltà familiari (comprensione materna e incomunicabilità paterna), nella suggestiva ambientazione di un borgo ligure affacciato sul mare.
Nonostante le vicende avverse (fra cui l’amore non ricambiato con Sandra), diviene determinante l’amicizia con Michele, maestro di pianoforte e primo estimatore del talento di Francesco, che porterà il protagonista del romanzo ad esibirsi prima nel sud della Francia per poi raggiungere Parigi.
Tale cammino si sviluppa in un susseguirsi di emozioni e conoscenze (fra le quali spicca il personaggio di Philippe) e di eventi dolorosi (il drammatico incidente per riavvicinare Sandra e la commovente perdita del suo amico Michele).
Ma sarà l’amore con la violinista croata Ana che permetterà a Francesco, in un momento dilaniante della sua carriera artistica, di scoprire nuove “partiture” esistenziali in un finale inaspettato e denso di pathos.

Il romanzo (seconda esperienza letteraria di Giovanni Margarone) scorre fluido in una intensa narrazione che, in particolare nei patimenti del giovane protagonista, attinge da Dostoievskij (il Raskolnikov di “Delitto e Castigo”), Goethe (“I Dolori del Giovane Werther”) e Foscolo (“Ultime lettere di Jacopo Ortis”), mantenendo costantemente una sua vivace originalità descrittiva ed emozionale.
Un libro che, nella sua piacevolezza, permette al lettore di immedesimarsi nelle profonde inquietudini di Francesco, ponendosi delle non facili domande sulla tortuosa ed ineffabile ricerca della propria (personale) felicità.

QUESTO ROMANZO E’ IN VENDITA PRESSO QUESTE LIBRERIE (CLICCARE QUI):    LIBRERIE ITALIA

INOLTRE SUL SITO DELLA  CASA EDITRICE KIMERIK

E SULLE LIBRERIE ON LINE: AMAZON  MONDADORI   IBS LIBRI   FELTRINELLI

… E ALTRE ANCORA, ANCHE IN FORMATO EBOOK.